Genova, 7 dicembre 2020

Ci dispiace che la maggioranza di centrodestra non abbia voluto firmare il nostro ordine del giorno sugli enorme disagi alla viabilità ligure che il 4 dicembre scorso hanno portato alla paralisi di gran parte delle reti autostradali regionali (A7 Genova-Milano, A 26 Gravellona-Toce, Val Bormida e ponente ligure), con particolare criticità nel territorio dell’area metropolitana di Genova. Il nostro documento, che aveva bisogno delle firme di tutti i gruppi consiliari per approdare in aula ed essere votato, chiedeva due impegni alla Giunta Toti. In primo luogo avviare un tavolo tecnico permanente con Autostrade per l’Italia, Regione, Città Metropolitana di Genova, Comuni, Prefettura e associazioni per gestire in modo tempestivo, funzionale e preventivo questo tipo di criticità che, purtroppo, ciclicamente mettono in ginocchio il nostro territorio. Inoltre con l’odg chiedevamo alla Giunta di attivarsi con Autostrade per dare seguito all’iniziativa di Assoutenti Liguria in merito ai risarcimenti per gli utenti rimasti bloccati venerdì scorso, verificando anche le promesse fatte in tal senso dalla stesso ente gestore a mezzo stampa.

Due interventi di buon senso, che puntano a mettere in atto strumenti concreti, affinché giornate come quella di venerdì 4 dicembre non si ripetano nuovamente. Purtroppo il centrodestra non ha voluto sostenere queste richieste, dichiarando la propria contrarietà soprattutto al tavolo tecnico permanente. Un punto, a nostro avviso, fondamentale, che si integra perfettamente alla seconda richiesta contenuta nel documento. Proprio per questo continueremo a farci promotore del nostro ordine del giorno, affinché entrambe le istanze vengano accolte.

Gruppo PD in Regione Liguria.