πŸ“Œ SUBITO IL SOSTEGNO AI LAVORATORI DELLO SPETTACOLO!
π™‡π™š π™£π™€π™¨π™©π™§π™š π™₯𝙧𝙀π™₯π™€π™¨π™©π™š
A quasi un mese di distanza dalla richiesta di incontro inviata dalla Slc Cgil alla giunta Toti, al fine di sottoporre all’amministrazione regionale le problematiche dei lavoratori dello spettacolo che necessitano di un immediato sostegno, Γ¨ arrivata una preoccupante risposta. Per l’assessore regionale Berrino (che risponde circa un mese dopo) non ci sarebbe tempo per fissare l’incontro richiesto, le risorse finanziarie da destinare al settore non sarebbero disponibili e comunque ogni intervento deve essere rimandato (curiosa “coincidenza”) dopo le elezioni regionali.
I lavoratori dello spettacolo sono fra coloro che hanno pagato piΓΉ caro il prezzo della pandemia e necessitano di un sostegno immediato, che non puΓ² essere rimandato alla prossima legislatura (appare ancor piΓΉ grave l’atteggiamento di chi, anche indirettamente, promette aiuti… dopo il voto). Lasciar affondare questo settore non sarebbe solo un gravissimo danno per i nostri lavoratori, ma per tutta la comunitΓ  che si troverebbe privata di una fondamentale funzione culturale.
π™Œπ™ͺπ™šπ™‘π™‘π™€ π™˜π™π™š π™¨π™šπ™§π™«π™š 𝙨π™ͺπ™—π™žπ™©π™€:
πŸ”Έ Un pronto cambio di rotta per garantire un futuro ai lavoratori e al comparto dello spettacolo
π˜Όπ™‘π™˜π™ͺπ™£π™š π™™π™šπ™‘π™‘π™š π™£π™€π™¨π™©π™§π™š π™₯𝙧𝙀π™₯π™€π™¨π™©π™š:
πŸ”ΈSostegno ai lavoratori dello spettacolo e della cultura
πŸ”ΈCreazione di una legge regionale sullo spettacolo e sulla promozione culturale
πŸ”ΈSostegno alle giovani imprese culturali attraverso marketing territoriale e concessioni gratuite di uffici, abitazioni, laboratori
πŸ”ΈPalinsesto di cinema e spettacolo nelle piazze e nei parchi pubblici soprattutto per i giovani artisti esordienti
πŸ”ΈFinanziamenti per agevolare l’apertura di circoli culturali nelle zone piΓΉ fragili e nelle periferie
πŸ”ΈImplementazione di un dipartimento di tecnologia della cultura e delle arti presso l’IIT e in coordinamento con l’UniversitΓ  e gli altri istituti di ricerca e formazione
πŸ”ΈInvestire nella scuola come luogo di programmazione culturale in connessione con i centri di produzione esistenti