Genova, 8 ottobre 2019

Oggi viene inaugurato lo scolmatore del Fereggiano: un’opera fondamentale per la messa in sicurezza idraulica della città di Genova. Esprimiamo grande soddisfazione per la conclusione di questo importante intervento, frutto del lavoro del centrosinistra (a livello locale e nazionale) e realizzato, nello specifico, grazie a un cofinanziamento di 45 milioni di euro totali, che ha visto coinvolti la precedente amministrazione comunale (protagonista l’allora assessore Gianni Crivello) con 15 milioni, il Governo Monti con 20 milioni (attraverso il Piano nazionale per le città) e il Governo del Pd con 5 milioni di euro messi dalla Struttura di missione Italia Sicura (in sostituzione del precedente finanziamento regionale della Giunta Burlando). È incredibile che al taglio del nastro di oggi siano presenti solo il presidente della Regione Toti e il sindaco Bucci – che non hanno avuto alcun ruolo in quest’intervento – e non siano stati invitati né il Municipio Bassa Valbisagno, né l’ex assessore Crivello. Si tratta dell’ennesima appropriazione indebita – dal punto di vista politico-istituzionale – di questo centrodestra. Quel progetto e i finanziamenti necessari a realizzarlo sono frutto del lavoro di altre amministrazioni. Bucci e Toti, sul fronte della prevenzione del dissesto idrogeologico, non hanno fatto praticamente nulla in questi anni, godendo soltanto del lavoro di chi li ha preceduti. Stessa cosa anche per la copertura e lo scolmatore del Bisagno, finanziati da Governi a guida Pd. La correttezza istituzionale imporrebbe che sindaco e presidente della Giunta ligure riconoscessero i meriti altrui.

Gruppo Pd in Regione Liguria.

Gruppo Pd Comune di Genova.

Presidente Municipio Bassa Valbisagno

Gruppo Pd Municipio Bassa Valbisagno.

Pd Genova.

Pd Liguria.

Parlamentari liguri del Pd.