Genova, 12 aprile 2019

Il pasticcio del commissario Marco Bucci, che prima adotta un decreto e poi lo ritira nel giro poche ore per individuare i collaudatori statici del viadotto Polcevera (visto che le prime figure incaricate erano coinvolte in alcune indagini giudiziarie) mette ancora di più in evidenza come vi sia bisogno di ripristinare il protocollo con Anac. Quel documento prevedeva che ogni atto della struttura commissariale venisse sottoposto al giudizio preventivo dell’Autorità nazionale anticoruzione. Se quel protocollo fosse stato ancora operativo Bucci avrebbe evitato questa brutta figura.

Purtroppo però il protocollo è stato sostanzialmente disdettato da Anac perché il sindaco-commissario non lo ha mai onorato.

A questo punto, al di là della vicenda del collaudatore statico, si pone un problema più generale: è possibile che una struttura commissariale che deve gestire uno dei cantieri più importanti d’Italia – la demolizione e la ricostruzione del viadotto Polcevera – possa fare a meno della sorveglianza preventiva su un tema come quello della legalità?

Noi pensiamo di no e chiediamo che venga urgentemente ripristinato il protocollo con Anac. Crediamo che l’urgenza si debba conciliare con il rispetto delle regole.

Gruppo Pd Regione Liguria.

Gruppo Pd Comune di Genova.

Lista Crivello.